Termoli alla Bmt di Napoli per lanciare il turismo


Dopo la Bit di Milano da oggi fino a domenica a Napoli si tiene l’appuntamento tanto atteso con la Bit. La Borsa Mediterranea del Turismo quest’anno ha davvero sorpreso tutti con stand innovativi e sinergie di forze provenienti da tutta Italia per rilanciare il turismo. Ed è proprio con questo spirito che l’amministratore della GsTravel, Domenico Guidotti con il suo staff, ha deciso di partecipare a questo appuntamento tanto atteso. “Credo nella mia Regione e nella mia città infatti quest’anno partiremo esclusivamente da Termoli per raggiungere le coste croate. Bisogna ripartire da noi”. In sinergia con Amatori nello stand dei traghetti e dei collegamenti Termoli era presente con le sue iniziative, per rilanciare il turismo, quello vero, fatto di persone che amano tutto il vasto mondo dei viaggi. “Collaboreremo con le agenzie di tutta Italia- ha aggiunto Guidotti- per far ripartire l’intera e complicata macchina turistica, proprio da Termoli. A breve anche i collegamenti con le Isole Tremiti”. Straordinario successo per la Bmt che conta sempre più visitatori.

Quando è un molisano a spiegare il Molise..il video virale tutto da ridere


Pronto il programma dell’associazione Turismol


Dalla città timoteana ed il suo tour alla scoperta della tradizione religiosa e di San Timoteo alla scoperta del Borgo Antico di Termoli e le sue mille curiosità… La Turismol ha preparato il nuovo programma, con mille sfaccettature per poter conquistare davvero il cuore di tutti. Con impegno e dedizione fanno conoscere le bellezze termolesi davvero in ogni luogo. La sua presidente Paola Palombino che ieri è stata al programma televisivo I Soliti Ignoti ha anche conquistato 10mila euro in gettoni d’oro ed anche in quell’occasione non si è dimenticata di parlare di Termoli. Sono queste le eccellenze molisane…

Donna Imma de ‘Il Castello delle Cerimonie’ a Campobasso


Lo avevamo annunciato qualche settimana fa e la coppia campana di Real Time alla fine ha accettato l’invito di Francesca e Giuseppe ed ha partecipato all’inaugurazione della loro pizzeria. Si erano sposati proprio nel castello della famiglia Polese portando il Caciocavallo come piatto forte del loro menù matrimoniale. Poi hanno deciso di aprire il ristorante-pizzeria Scusate il Ritardo e come ospiti di eccellenza hanno deciso di invitare Imma Polese ed il marito Matteo Giordano al taglio del nastro. E loro da buoni campani hanno accettato l’invito della coppia. Ed è stata proprio Donna Imma, insieme al sindaco, ai presenti ed alle telecamere del noto programma televisivo ad inaugurare il nuovo locale. Una scommessa per Giuseppe che ha deciso di unire le prelibatezze nostrane con le sue origini campane. Ed a quanto pare l’idea piace. Il Molise torna in TV, merito di questi due ragazzi, delle loro idee e delle materie prime che solo il Molise può vantare senza paragoni.

Fai, il weekend culturale fa sosta in Molise


Torna il weekend dedicato al patrimonio culturale italiano. Il Fondo Ambientale Italiano il 23 ed 24 marzo aspettano tutti in luoghi da scoprire e tutelare che vanno ad arricchire le bellezze di tutta Italia. Sul sito del Fai sono elencati i luoghi e tra bellezze e ricchezze culturali di tutto lo stivale spicca anche il Castello di Macchiagodena. Il Molise torna sui riflettori nazionali ancora una volta per ciò che di bello propone. La regione che ‘non esiste’ continua a farsi notare..

Paola Palombino da Amadeus, domani sera su Rai Uno


Porterà San Giacomo degli Schiavoni direttamente su Rai 1 Paola Palombino, presidente di Turismol. L’associazione termolese che da anni si occupa di turismo, promozione del territorio e storia locale verrà raccontato al programma I Soliti Ignoti su Rai Uno condotto da Amadeus. Alle 20.30, domani sera tutti sintonizzati per sostenere la Palombino.

Pasta con la mollica, il pasto di San Giuseppe


Sembra così facile eppure la pasta con la mollica ha la sua procedura e le sue difficoltà. C’è chi ci aggiunge l’uvetta ed i pinoli e chi invece la cipolla, ma la pasta con la mollica resta una tradizione radicata nel Molise. Io la faccio così…non so se sia la versione giusta, ma a noi piace …

In una padella fate rosolare con abbondante olio due spicchi d’aglio … aggiungere la mollica del pane e fare rosolare finché non diventa ben croccante. Si può aggiungere o la cipolla insieme all’aglio o i pinoli e l’uvetta. Il risultato sarà senza dubbio delizioso. Nel frattempo portare ad ebollizione acqua salata e lessare gli spaghetti. In realtà la tradizione vorrebbe i bucatini. Unire e saltare in padella con la mollica e servire…il piatto è pronto. La tradizione che vede benedire la mollica e la pasta richiede dopo di mangiare la pasta con le mani, ma in versione casalinga va bene anche fatta così….e buon San Giuseppe a tutti molisani

Pier Paolo Giannubilo candidato al premio Strega con il “Risolutore”


Le eccellenze molisane continuano a spiccare a livelli nazionale. Oggi, tra tutti, i riflettori si accendono su Pier Paolo Giannubilo. Lo scrittore campobassano è candidato al premio Strega, uno dei premi più importanti riservato agli scrittori. Il suo libro ha già conquistato molti critici del settore riuscendo davvero ad entrare nella mente e nel cuore anche di chi si avvicina alla lettura per la prima volta…ed un buon libro fa anche questo.

“Nella storia di Campobasso un fatto di straordinario rilievo.Già successo di pubblico e critica, il Risolutore si posiziona adesso tra i libri più interessanti e meritori di attenzione della narrativa italiana: ne sono profondamente orgoglioso”. Queste le parole del sindaco di Campobasso…e di orgoglio davvero questo libro ne ha riempito il Molise. In bocca al lupo allo scrittore, che comunque ha portato il Molise nel premio più importante della scrittura.

San Giuseppe, la tradizione continua


Pasta con la mollica, zeppole, pizza con il bicarbonato, ceci, fagioli e cereali…la tradizione degli altari di San Giuseppe rallegra di nuovo l’intero Molise. C’è chi consegna un piatto caldo al vicino, chi canta al Santo e chi invece fa gli alti. La parola d’ordine è comunque donare. Nella parte centrale e nell’entroterra diverse famiglie preparano piatti a base di legumi, pasta, pane e dolci che in enormi vassoi vengono consegnati casa per casa. A Termoli e nel basso Molise, invece, vengono preparati gli Altari. Quadri che rappresentano la Sacra famiglia o soltanto San Giuseppe, teli di raso e attrezzi del falegname di un tempo passato rendono ogni Altare diverso dall’altro. Scuole, associazioni, volontari chiunque può presentare il suo voto al Padre Putativo di Gesù. Pesce fresco, pasta, pane, dolci tipici ed ogni bontà vengono presentati da chi realizza l’Altare, tutto cibo che verrà donato alla Caritas o a chi ne ha davvero bisogno. Ma non solo. Anche le offerte raccolte verranno date in beneficenza. Il Molise in questo giorno davvero porge la mano ai più deboli e lo fa nel giorno della festa del papà, simbolo di sacrificio per tutta la famiglia. E chi andrà a visitare questi Altari della tradizione verrà dato il pane benedetto ed un sacchetto di legumi solo lessi. Un gesto che ricorda i pasti poveri di un tempo. Il 19 invece pasto d’obbligo è la pasta con la mollica. Domani vi porteremo in tutti gli Altari termolesi e prepareremo insieme la pasta con la mollica, ricetta tipica del basso Molise.

Il Palio di San Timoteo, ecco qualche anticipazione della festa più attesa di maggio


La macchina organizzatrice del Palio di San Timoteo è partita e come lo scorso anno anche per il 2019 sarà realizzato grazie al binomio Ordo Cavalieri Termole e pro loco Termoli in collaborazione con associazioni locali e fuori regione che andranno ad animare la manifestazione insieme ai 4 Rioni. L’evento si svolgerà nei il 4 e 5 maggio prossimi, proprio il week-end che anticipa la festa di San Timoteo. Quest’anno il programma è davvero sensazionale. Giocolieri, sbandieratori, falconieri, cena a tema medievale, giochi e molto altro. Novità 2019 è la possibilità di vestirsi a tema anche solo per passeggiare come turisti immersi nel medioevo. Gli abiti possono essere acquistati o affittati. Queste alcune anticipazioni della festa del 4 e 5 maggio prossimo. Il Palio di San Timoteo, seppur solo alla sua seconda edizione, è entrato di diritto nel calendario delle feste che più piace a Termoli. Ormai si attendono con Asia i primi di maggio per tornare al medioevo e festeggiare il Santo Patrono.

Associazione culturale di promozione turistica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: