“Dind’ u quartir”: dalla radio al web


Ci sono persone che si sono preoccupate di preservare la cultura del proprio paese raccogliendo materiale, studiandolo e divulgandolo nei limiti delle possibilità di un epoca che non aveva la fortuna di avere a disposizione il web.

“Dind’ u quartir” era un programma radiofonico che si occupava proprio di questo: raccontare gli usi ed i costumi di una Termoli che, all’epoca, stava per scomparire e che oggi non esiste più. Ci vantiamo di essere termolesi, di amare questo paese ma abbiamo perso il punto focale che ha reso questo borgo marinaro una piccola perla: la sua semplicità.

Tornare alle proprie origini ci permette di fare mente locale su chi siamo ora e su cosa vogliamo diventare; insegnare ai termolesi di adozione usi e costumi che ormai sono quasi del tutto scomparsi, ci permette di mantenere viva quella flebile fiamma chiamata “identità”.

Queste pagine di storia le vorrei dedicare a mia nonna, che ha custodito il materiale con maniacale cura; ed alla signora Rosati, che senza di lei tutto questo sarebbe andato perso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.